Come scegliere la bicicletta giusta?

Qualche giorno fa ho ricevuto questa mail da Andrea, uno dei lettori del blog:

SONO UN CICLISTA AMATORE PERCORRO 300KM LA SETTIMANA CIRCA.
HO UNA BICI SCADENTINA . PENSI CHE LE MIE PRESTAZIONI POTREBBERO CAMBIARE DI MOLTO ACQUISTANDONE UNA MIGLIORE OPPURE QUESTA DIFFERENZA LA AVVERTONO SOLO I CICLISTI DILETTANTI E PROF. ???
NON VORREI PENTIRMI DI SPENDERE TANTI SOLDI PER NULLA

Ringrazio Andrea per avermi dato lo spunto per aprire una discussione (che potrebbe durare mesi) sulla scelta della bicicletta.

Settembre come sapete è il periodo delle grandi fiere di settore, in questi giorni si sta svolgendo Euro Bike in Germania e dal 18 al 20  ci sarà Expobici a Padova.

In questo mese tutte le case costruttrici svelano agli occhi ammirati di noi appassionati i loro nuovi gioielli.

Per chi ha intenzione di cambiare bici ( o acquistare la sua prima bdc) questo è anche il periodo più indicato. Infatti a fronte delle nuove collezioni in uscita, spesso i negozianti concedono sconti interessanti sui modelli rimasti finora invenduti.

Ma come scegliere la bici giusta? Provo a mettere giù 3 punti da cui partire:

Fattore economico:

Primo fattore da considerare è il budget a tua disposizione o meglio, il budget che sei disposto a spendere per una bicicletta.

Oggi quasi tutti i marchi, offrono una gamma completa di bici, dalle entry level, per cui si possono spendere anche meno di 1.500 euro, fino alle super specialissime da 8 – 9.000 euro.

Quindi ce n’è per tutte le tasche.

E qui torniamo alla domanda iniziale di Andrea che si chiede se davvero una bici top di gamma possa fare la differenza in termini di prestazioni.

Questo è il mio personale pensiero: se il salto di livello è notevole, come per esempio da una bici “entry-level”(magari in alluminio e con ruote media gamma) ad una full carbon con ruote di qualità, le sensazioni cambiano eccome.

Rigidità, reattività, meno vibrazioni, scorrevolezza sono le tipiche sensazioni che si provano quando si passa da un “cancello” ad una bici “seria” .

La questione più critica invece è se una bici top di gamma (per capirci dai 5/6.000 euro in su) offra prestazioni significativamente superiori ad una bici di fascia media (diciamo 2.000 – 3.000 euro).

Su questo punto mi piacerebbe avere la vostra opinione, ma per quanto mi riguarda penso che la differenza avvertita non sia proporzionale alla differenza di prezzo.

Queste considerazioni, naturalmente valgono per ciclisti di livello amatoriale medio, chi fa competizioni ad alto livello avrà sicuramente dei canoni più alti.

Fattore tecnico

L’industria della bicicletta negli ultimi anni ha fatto progressi eccezionali in campo di ricerca di nuove tecnologie e materiali.

C’è una ricerca quasi spasmodica al minimo dettaglio per ridurre il peso ed aumentare le prestazioni.

La bicicletta è sostanzialmente costituita da telaio, ruote e gruppo.

Se dovete scegliere su quale di questi 3 parti investire la maggior parte del budget, io punterei su telaio e ruote.

Questi sono infatti gli elementi che danno il maggior riscontro in termini di performance e, come detto prima, di sensazioni.

Montare un Veloce piuttosto che un Record, tutto sommato cambierà poco sulle sensazioni che avrete in bici, mentre un telaio e due ruote di buon livello si faranno sentire.

Esattamente come accade per le automobili, la bicicletta non viene scelta solo in base alla sua “funzionalità”. Quanti possessori di SUV vanno a fare sentieri fuori strada?

Al momento della scelta ci sono molti fattori che influiscono, fattori anche emotivi, essendo una scelta legata alla nostra passione, e le case costruttrici sono molto abili a “giocare con i nostri sentimenti”.

Fattore emotivo:

Quando acquistiamo una bicicletta non cerchiamo solo un mezzo a due ruote, ma anche un sogno, un’immagine, un’emozione.

Il ciclismo è uno sport radicato nella cultura e nella storia della nostra terra. Ognuno di noi ha dei ricordi, vicini o lontani, legati a questo sport.

E siccome questi ricordi sono emozioni, capita che ci si affezioni ad un marchio particolare.

Per esempio negli anni del grande Pantani, ricordo che sulle strade ci fu un esplosione di biciclette “celesti” della Bianchi.

Stessa sorte per le americane Trek con l’avvento del fenomeno Armstrong, e per le prime Cervelò negli anni del giovane Ivan Basso al Tour.

Io personalmente ho due marchi a cui sono particolarmente legato : Wilier e Battaglin. Le due aziende hanno sede vicino a casa mia e fanno parte della mia storia personale:

Wilier è il marchio su cui mio padre ha sempre pedalato, ricordo e conservo ancora con affetto una mitica Wilier color ramato.

A Battaglin sono legato per due motivi: è stata la prima bici su cui ho corso da ragazzino,  ed ho in testa un vivo ricordo (anche se avevo solo 5 anni) di quando mio padre mi portò nel 1981 ad accogliere un trionfante Giovanni Battaglin, vincitore di Giro e Vuelta in piazza a Marostica.

Forse il mio amore per questo sport è nato proprio  in quel momento.

Il mio consiglio finale quindi è di dare retta alle vostre tasche, ai dati tecnici ma anche al vostro cuore di ciclista.

Quello non sbaglia mai.

E’ un argomento molto ampio su cui di sicuro ritorneremo a parlare, per ora mi fermo qui e aspetto di leggere le vostre opinioni.

P.S. Probabilmente visiterò l’Expobici di Padova e spero di riuscire a fare qualche foto curiosa da condividere.

Se qualcuno di voi ha la fortuna di visitare l’Eurobike in questi giorni, può mandarmi le sue foto con le ultime novità a davide@ciclismopassione.com , e le pubblicherò volentieri nel blog.

108 Responses to “Come scegliere la bicicletta giusta?”

  1. Ciao a tutti. Se si passa da un cancello a ciò che si definisce bicicletta da corsa la differenza si sente e come!!! Ma alla fine della fiera contano solo due cose (per gli amatori e non): il fisico e la gamba!!! Sono stato superato sulle salite dell’Etna da gente con biciclette di antiquariato ed ho a mia volta mangiato gente con bici da 8000 euro. La.bici, come del resto ogni altra cosa materiale, è diventata uno status symbol (“io ho la bici da 4000/8000 euro”). Alla fine sononle gambe che devono girare!!!!! Fatevi pure piacere dato che si lavora anche per questo ma non esagerate nello spendere. Esagerate nell’allenamento e nella voglia di fare. Ho 90kg per 1,75 ( muscoloso si ma anche grassottello per la bici) e con una Orbea Aqua in alluminio mui diverto da matti. Ma i miei limiti risiedono nel peso. VIVA LA BICICLETTA

  2. complimenti per lo scritto, mi piace tanto si capisce perfettamente cosa ti emoziona, credo che il tuo scritto sia da utilizzare come guida per chi acquista una bici o si avvicina a questo sport. ha riportato delle informazioni che ha mio avviso sono molto più utili di tante nozioni tecniche che spesso se non si è molto afferrati si fà anche fatica a comprendere.
    Grazie
    Nico

Trackbacks/Pingbacks

  1. Principali differenze tra cambio campagnolo e shimano su bici da corsa? - January 28, 2011

    [...] Come scegliere la bicicletta giusta? | CiclismoPassione.com [...]

Leave a Reply