Come lavare la bicicletta

washbikeLa Bicicletta è il cavallo di noi moderni cavalieri su due ruote.

E’ la nostra "amante", la nostra compagna di mille avventure.

E come tutte le compagne, ha bisogno di cure per mantenersi bella, sicura ed efficiente.

Sarò sincero, non sono mai stato un patito della bici luccicante, soprattutto perché il poco tempo libero che ho a disposizione cerco di sfruttarlo pedalando, tuttavia quando riesco a dedicare del tempo alla pulizia della mia amata specialissima ottengo una grande soddisfazione nel vederla alla fine del trattamento, bella come non mai, splendente e perfettamente lubrificata, pronta per sfidare il vento.

Ma come si pulisce al meglio la bicicletta?

Ho provato mettere assieme alcuni punti molto schematici, partendo dalla mia esperienza personale:

1 - Sgrassare catena, corone e pignoni con uno sgrassatore, utilizzando pennello e spazzola.
Uno dei punti più difficili da pulire è il pacco pignoni.
Esistono nel mercato speciali spazzole fatte apposta per pulire lo spazio tra un pignone e l’altro, ma lo si può fare utilizzando un pezzo di straccio e usarlo come nella foto in alto.

2 - Lavare poi il resto della bici usando una spugna con un detersivo sgrassante.

Anche qui la scelta è vasta: esistono prodotti specifici per la pulizia del carbonio, ma in linea generale va benissimo il detersivo per piatti (molto diluito) oppure uno sgrassatore di quelli che si comprano al supermarket, ma anche qui il consiglio è di diluire i prodotti in un secchio d’acqua. Alcuni sgrassanti sono molto agressivi e col tempo potrebbero rovinare le superfici, specialmente le etichette e le scritte poste su telaio e ruote.

3 - Una volta passata tutta la bici con il prodotto, si procede a risciacquarla per bene con una spugna ed abbondante acqua pulita. Se si fa all’aperto potete usare un tubo dell’acqua per questa operazione.
Sarebbe consigliabile asciugare il telaio e tutte le parti con uno straccio, tuttavia potete lasciate che si asciughi all’aria.

4 - A questo punto usate un lubrificante spray per la catena e tutti i punti di movimento del cambio e del gruppo, senza esagerare con la quantità o la catena vi restituirà in forma di schizzi il prodotto in eccesso alle prime pedalate.

5 - A questo punto è buona norma utilizzare uno spray protettivo come olio di silicone, per stendere uno strato che proteggerà la bici da polvere e fango.

Attenzione ovviamente a non usare lubrificanti nei tamburi dei freni, nelle piste frenanti delle ruote e nel manubrio.

Guardate un po' questo video che dimostra in 50 secondi come un meccanico professionista lava una specialissima.
Mi sembra un bel riassunto di quanto descritto.

Su questo argomento, ho scoperto che ognuno utilizza un po’ i suoi metodi, i suoi attrezzi, i suoi prodotti. Mi piacerebbe quindi che anche voi condivideste le vostre “tecniche” magari sperimentate con anni di esperienza o scoperte per caso.

Sicuramente avremmo tutti qualcosa da imparare.

E tu come ti prendi cura della tua specialissima?

Qualche segreto da condividere ?

Spazio ai vostri commenti !

Commenti

Commenti

65 Responses to “Come lavare la bicicletta”

  1. Ottimo prodotto da applicare sulla bici dopo il lavaggio per renderla splendente ed idrorepellente e’ il lucida cruscotti usato per le auto

  2. grazie del video mi ha dato ottimi consigli su come lavare la mia bici in poco tempo ,ma nel miglior modo grazie.

  3. Se avessi il cavalletto non dico che sarei così ma impiegherei comunque metà del tempo che impiego adesso!!

  4. L’articolo dice di usare un tubo dell’acqua per risciacquare. Personalmente faccio sempre così. Amici esperti pero’ insistono nel dire che il getto diretto dell’acqua è un nemico della bici e dei suoi componenti in particolare del movimento centrale!

  5. io uso lo sgrassatore e poi una bella passata con la bomboletta x auto pulisce e lucida senz’acqua

  6. il sito inserito è davvero una gran figata!

  7. Caro bello io ,alla mia bicicletta che ci tengo moltissimo e la pulisco con un prodotto americano simple green,non tossico,biodegradabile,ininfiammabile non caustico..CIAO

  8. riporto la mia esperienza: penso che bisogna distinguere tra specialissima e mtb. per una bici da strada meglio usare il meno possibile getti d’ acqua diretti, soprattutto con idropulitrici. si riesce benissimo a pulire il telaio con panni, meglio di microfibra umidi. per le parti meccaniche faccio prima una pulizia a secco con spazzole un po’ rigide di varie foggie che possano inoltrari negli ingranaggi e pignoni. poi nel caso di sporcho ostinato o di una sgrassatura a fondo, utilizzo un pennello ed uno sgrassatore, facendo seguire un immediato risciacquo a bassa pressione con doccetta. poi asciugatura con stracci e l’ aiuto del compressore per scacciare l’ acqua nei punti più critici.
    per la mtb, sempre molto più sporca, cerco il più possibile di evitare la idropulitrice e di usare sia per il telaio che la meccanica il metodo di spazzola e pennello con sgrassatore. risciacuo immediato sempre a bassa pressione con doccetta. dopo ci vuole un ulteriore passaggio con panni ed un pulitore multiuso.
    segue asciugatura sempre con aiuto di compressore.
    vi consiglio olio di vaselina spray per la lucidatura e protezione dei telai. va bene anche come base di protezione per la meccanica.

  9. I rapporti a la catena la lavo con petrolio e una piccola parte di olio di vasellina che nello stesso tempo la sgrassa e la lascia oleata, per il telaio lo lavo con sapone e acqua poi la soffio con il compressore e la rifinisco con un bello straccio morbido

  10. dopo aver pulito la catena con benzina il telaio lo pulisco con petrolio bianco,asciugondolo con pelle per le auto,infine ungo la catena con olio da trasmissioni una goccia per maglia; viscosita.(80-90) e tutto risulta lucido.provare per credare

  11. io utilizzo lo sgrassatore anche per il telaio poi sciacquo tutto con una doccia e asciugo con getto d’aria panno sintetico e sole. Adeso ho capito che per il telaio lo sgrassatore non va bene. Grazie

  12. Al momento mi sono limitato a pulire con la bomboletta dello sgrassatore i pignoni e la catena,poi pulendo il tutto con uno straccio morbido e lubrificando con l’apposito prodotto acquistato da Decathlon.Il telaio e le forcelle con uno straccio umido e poi asciugando il tutto….

  13. Inizio sgrassando la catena con Chanteclear senza pennello od altri ausili, poi utilizzo una sugna con acqua e sapone di marsiglia, poi acqua spruzzata e compressa, poi soffio la catena con aria compressa per togliere i residui d’acqua.
    Tolgo con panno e a mano la sporcizia sulle rotelline del cambio.
    Il secondo step è di lavare con spugna morbida e sapone di Marsiglia il telaio, i corpi frenanti.
    Terzo lavo i pneumatici e le ruote con acqua e sapone.
    Asciugo il tutto una prima volta con aria compressa poi passo il telaio con panno morbido (attenzione al pulicruscotto) perchè il suo utilizzo prolungato opacizza la vernice del telaio. Stesso processo con le ruote.
    Applico un velo minimo di olio al silicone sulla catena e gli interstizi delle parti in rotazione togliendo i residui con panno.
    A proposito del video di 50 secondi , perdonatemi ma mi sembra una “pataccata”, infatti ho avuto la fortuna di assistere personalmente il lavaggio delle bici durante una tappa del giro d’Italia che partiva da BRA e vi garantisco che la pulizia di una bici è durata molto di più di 50”; per esempioi entrambe le ruote sono state montate e pulite a parte.

  14. Diciamo che a pulire la bici da strada non e’ poi cosi’ difficile un po’ di polvere se ha piovuto qualche schizzetto qui e la’.Ma quando uno comincia a fare certi tipi di gare in mountain bike tipo domenica alla tre valle che passavi in mezzo ad un fosso pieno di melma tenera tenera poi un bel fiume poi qualche sentiero ghiaioso , allora si che ci vuole una bella strizzata io ho seguito il vecchio metodo che usavo in motocross una bella spruzzata di gasolio tranne sui dischi log. e la mia catena non ha fatto una piega e nemmeno il cambio e di gente ferma ce n’era

  15. Ciao Davide. Grazie dei numerosi mmsg che mi invii. Vorrei aggiungere qualche nota sull’argomento pulizia. Innanzitutto il fatto che le bici dei pro vengano lavate in pochi minuti va valutato alla luce di due importanti considerazioni : 1) vengono lavate ad ogni utilizzo 2) per le squadre e’ sufficiente che le bici “vivano” un’unica stagione. Per noi “comuni mortali” le cose sono sensibilmente diverse. Anch’io parto dalla trasmissione , ma preferisco asportare sporco e grasso con uno straccio leggermente imbevuto di un solvente a scelta. Prima ci faccio scorrere la catena , e poi ci pulisco i pignoni e le corone , rifinendo con un pezzo di carta da officina. Un avvertimento : NON usate assolutamente sgrassanti in acqua . Sono tutti fortemente alcalini , e , se lasciati reagire sulle leghe di alluminio dapprima ne asportano l’anodizzazione , e poi intaccano il materiale in modo irreparabile. Se poi questi prodotti riescono ad arrivare nei vari cuscinetti ( mozzi-mov.centrale-serie sterzo ) disgregano chimicamente il grasso , provocando un’usura precoce delle sedi. Dopo aver pulito la trasmissione ( anche aiutandosi con un pennello a setole rigide o una spazzola in plastica ) , si passa al telaio ed alle ruote. Benissimo un detersivo per piatti o per auto , opportunamente diluido. Poi risciacquo ed asciugatura , che nella stagione fredda deve assolutamente essere effettuata con aria compressa. A questo punto la bici e’ splendente , ma assolutamente priva di protezione da agenti atmosferici , ma soprattutto da sudore e liquidi salini spesso presenti nelle borracce. Allora via con una leggera lubrificazione di tutti gli snodi e perni di freni , cambio , deragliatore. Dopo mille prove ho abolito qualsiasi spray sulla catena, per mille ragioni . Molto meglio un olio specifico ad alta viscosita’ e con un elevato potere filmante. Ho trovato eccellenti i prodotti della Finish Line, peraltro usati da parecchi team di pro. Garantiscono scorrevolezza , silenziosita’ e bassissime usure. Costano parecchio ma ne vale davvero la pena. Se la bici viene lavata spesso , o utilizzata sotto la pioggia di frequente , non e’ male allentare le trasmissioni ed introdurre un po’ di olio al teflon , o un “ciuffetto” di grasso nelle estremita’ di entrata/uscita dei cavi ( che dovrebbero essere SEMPRE in inox , ma non sempre lo sono.
    Una chicca : non male , durante il lavaggio con detersivo , dare una spazzolatina ai pattini dei freni , per asportare polveri , detriti , e riaprire i canali di scarico per la pioggia. Meglio ancora sgonfiare leggermente gli pneumatici ed asportate con una spugnetta di scotch-brite eventuali strisce di gommatura e chiazze di unto ( specie sul lato/catena della posteriore ) La frenata sara’ piu’ omogenea e controllabile in ogni situazione. Adesso la ns amata compagna e’ nelle sue migliori condizioni per essere utilizzata con soddisfazione e sicurezza.
    Ti saluto cordialmente. Ezio , 45 anni di vita su due ruote. Ciao.

  16. amici io non ho avuto mai voglia di pulire la bici,e quando lo faccio raramente la pulisco una chiavica,come la mettiamo?

  17. Interessante! Ache io lavo con spazzola e grassatore diluito anche catena pignoni etc,poi asciugo con aria dal compressore,ormai da tanti anni ho abbandonato il puzzolente gasolio.Poi straccio morbido e poi cera oppure liquido pr cruscotti.alla fine sembra nuova!!!.saluti a tutti
    Francesco 65 anni di cui 40 o forse piu’ in bici.

  18. daniele da palermo March 30, 2011 at 20:03 Reply

    io non la lavo mai

  19. io la mia bici la pulisco partendo con lo sgrassatore del supermercatolo lascio agire un bel 10 min .poi passo la spugna con acqua e detersivo dei piatti con la spazzola lavo bene tutte le parti meccaniche dopodichè con il compressore asciugo epoi il lavoro più importante è la lubrificazione uso il vd 40 e il grasso al teflon cercando con meticolosità di non lasciare niente a secco il risultato è ottimo

  20. IO ALLA MIA BICI CI DEDICO UN PO’ DI TEMPO,INIZIO CON LA CATENA, SGRASSANDOLA CON LA BENZINA, USANDO L’ATTREZZO PULISCI CATENA.
    SUCCESSIVAMENTE CON UNA VASCHETTINA PIENA D’ACQUA E SAPONE LAVO IL TELAIO DANDO ACCORTEZZA A NON FAR ENTRARE ACQUA NEGLI ORGANI DI MOVIMENTO. GLI ORGANI DI MOVIMENTO,CERCHI , RAGGI, E CORPO PIGNONE. VANNO PULITI CON UNO STROFINACCIO IMBEVUTO DI BENZINA. CALCOLANDO CIRCA UN ORA E MEZZA DUE LA BICI SARA’ BRILLANTE. IN FINE PER EVITARE SBAVATURE DOVUTO ALLO SPRUZZO DELL’OLIO, LO SI VERSA IN UN RECIPIENTE; MAGARI OLIO DEDICATO AL MOTORE PURE 15-40 E CON UN PENNELLINO LARGO COME UNA MAGLIA DI CATENA LO SI IMBEVE E LO SI STRISCIA SUL PARTE INFERIORE DELLA CATENA. AVRETE OTTIMI RISULTATI E SILENZIOSITA’. PROVARE PER CREDERE.

  21. ciao Davide..come sempre riesci a tirare fuori argomenti interessanti e coinvolgenti,per quanto mi riguarda l’argomento pulizia mi tocca tantissimo perchè credo di essere un maniaco in merito alla questione,allora io almeno una volta ogni mese smonto ogni parte della bici la pulisco ognuna con i suoi prodotti e la rimonto,per la catena ,cambio e deragliatore uso la trielina per il lavaggio,dopodiche le do un filo di grasso per la lubrificazione per quanto riguarda il telaio uso uno sgrassatore neutro e non lo utilizzo direttamente sul telaio ma spruzzando su un panno di cotone perche lo sgrassatore potrebbe far sbiadire i colori.e cosi la mia specialissima sfoggia tutto il suo splendore.ciao a tutti

  22. ..la penso anch’ io come ALEX per la mia amata MTB niente di meglio che una buona spennellata di gasolio un lavaggio con detersivo per piatti, una soffiata e una passata con un panno…… torna come nuova…buona passeggiata a tutti: Carlo

  23. Io acqua con detersivo piatti o sapone per carozzerie auto per il telaio, con un getto d’acqua a pioggio risciacquo il tutto. Per quanto rig la catena e cassetta pignoni prima tolgo lo sporco con uno straccio poi la passo con una miscela di benzina + olio sintetico al 10% aiutandomi con un pennello o con l’aposito pulisci catena.
    Cerchi e pattini ruota con del semplice sapone poi ascugo il cerchio con carta da cucina, per ultimo passo della gomma da matita sul cerchio per togliere ogni traccia di gomma lascata dai pattini. Cera protetivva per telaio in carbonio, olio specif di qualita per ingrassaggio catena, olio wd 40 per componeti esposti a polvere esporco (deragliatore, molla cambio ecc). tempo impiegato 40 min circa Compresa ispezione completa 2 volte al mese. Lavaggio ogni uscita tempo 5 minuti.
    Ciao a tutti

  24. ciao a tutti, da come ho letto gran parte di voi usa gli stressi sistemi che uso io, cioè uno sgrassatore che do un po’ dappertutto per allentare lo sporco, lascio agire e poi con un pennello di poca grandezza lo passo su tutto il telai e nelle pari meno accesibili, mentre per la catena pignoni e corone il petrolio, a questo punto con il tubo dell’acqua lavo e poi asciugo con il compressore, un panno di pelle per i ritocchi e per finire una bella lubrificata alla catena con grasso spray apposito
    diciamo che tutto questo avviene in circostanze critiche dopo un uscita con pioggia dove la bici diventa uno scifo… normanmente un panno di pelle umido passato per levare qualche macchiolina o aloni lasciati dai pattini per me è sufficiente.

  25. io praticamente ci fò all’amore tempo 2-2,30 ore,non ho garage mi tocca
    stare in terrazza mettendo per terra vari stracci per non far
    cascare giù l’acqua ,non uso sempre lo stesso metodo ma cmq
    faccio catena pignoni cambio deragliatoreruotecon i prodotti
    della barbieri con l’apposito frullino per la catena,acqua appena calda sul telaio
    e sapone per auto con cera risciaquo con acqua calda asciugo con pelle sintetica
    e poi secondo me i prodotti che proteggono si mischiano con lo sporco,poi non deve stare pulita tanto tempo sennò con chi ci faccio l’amore?

  26. x pulire la mia bici ,si parla di pignonie catena lavo con petrolio e diventa nuova.Il resto se è sporca una bella insaponata una lavata con la canna e una soffiata del compressore e una passata con lo straccio .

  27. confermo unica risoluzione ottimale per la pulizia della specialissima è petrolio bianco,sulle parti meccaniche ed acqua e sapone su tutto la bici,una soffiata con aria del compressore e tutto come nuovo.

  28. ciao io la lavo con sgassatore aiutandomi con un pennellino e acqua corrente poi l’asciugo con pelle di daino ciao a tutti.

  29. un buon cavalletto si smontano ruote,acqua con sgrassante diluito petrollio bianco per la catena ,pignoni .Una buona asciucatura ed è come nuova.ottimo video

  30. la moltiplica e pignoni li lavo sempre con gasolio diluito con 20% di acqua . ti dirò che mi a dato sempre tanta soddisfazione ( provare per credere ) ovviamente dopo risciacquare con acqua pulita ,e poi asciugare saluti nicola

  31. CRISTIANO FERRARI March 31, 2011 at 20:47 Reply

    CIAO A TUTTI, IO LA PULIZIA DELLA MIA BICI LA FACCIO IN QUESTO MODO: INANZITUTTO MI SONO COSTRUITO UN APPOSITO CAVALLETTO, MA CHI NON HA TEMPO DI FARSELO , PUO’ COMPERARLO PRESSO I NEGOZI DI ARTICOLI PER CICLISMO. TORNANDO ALLA PULIZIA, PRIMA COSA METTO LA BICI CON ENTRAMBE LE RUOTE SUL CAVALETTO, POI CON UNO SGRASSANTE APPOSITO E PENNELLO NORMALE COMINCIO A PULIRE PACCO PIGNONE E CATENA FACENDO GIRARE A MANO IL PEDALE. FINITO IL TUTTO RISCIACQUO TUTTO CON ACQUA . DOPO QUESTA OPERAZIONE SMONTO ENTRAMBE LE RUOTE E COMINCIO A PULIRE IL TELAIO CON ACQUA , SAPONE AUTO E SPUGNA. FATTO QUESTO RISCIACQUO IL TUTTO . PENULTIMA FASE : RIMONTO LA RUOTA POSTERIORE E COMINCIO A FARLA GIRARE SOFFIANDO CON IL COMPRESSORE SUL PACCO PIGNONI, SULLA CATENA , E SULLE PARTI PICCOLE E VARI FORI TOGLIENDO L’ACQUA IN ECCESSO. ASCIUGO IL TUTTO CON UN PANNETTO MORBIDO O CARTA . FINITO DI ACIUGARE INGRASSO CON GRASSO BIANCO VITI, DADI . PER ULTIMO INGRASSO LA CATENA .PS PRIMA DI METTERE IL GRASSO BIANCO CONTOLLO SE LE VITI SONO MOLLI. TEMPO PER LAVAGGIO 1,00 MAX 1,30 MINUTI. CIAO A TUTTIIIII

  32. io prima sgrasso con la benzina la catena,il pacco pignone,il deragliatore.poi lavo la bici con un comune bagno schiuma. riscacquo

  33. IO DICO CHE BISOGNA STARE MOLTI ATTENTI AL LAVAGGIO DELLA BICI FACENDOLO TROPPO SPESSO,NE SO QUALCOSA IO PERCHE’ HO DOVUTO CAMBIARE IL MOVIMENTO CENTRALE E IL MOZZO POSTERIORE,IL MIO MECCANICO MI HA DETTO CHE LA CAUSA ERA CHE USAVO TROPPO L’ACQUA QUANDO NON E’ TANTO SPORCA BASTA UNA PASSATA CON DEI FAZZOLETTINI INBEVUTI TIPO QUELLI DEI NEONATI PER ILTELAIO E LE RUOTE,E LA CATENA E I PIGNONI CON UNA CALZA COLLANT DA DONNA POICHE’ NON LASCIA PELUZZI CHE POTREBBERO IMPIGLIARSI TRA LE MAGLIE DELLA CATENA,DOPO DI CHE SI PUO’ PASSARE ALLA LUBRIFICAZIONE.

  34. Per capirci, io impiego più tempo a pulire la mia bici da corsa che la mia auto(quando la lavo io e non l’autolavaggio). Tutto quello che leggo va bene MA NON HO MAI USATO L’ACQUA per: catena, pacco pignoni, e centro movimento e ruote. Per la catena ho trovato in commercio una scatoletta in cui si infila la catena, senza smontarla, con tre spazzoline rotanti su cui la catena scorre immersa in un liquido detergente (a scelta: acqua ragia, nafta, petrolio ecc…). Si aggancia il tutto al cambio e con una ventina di giri di pedali, a mano all’indietro, la catena diventa pulita e lucida come nuova. Poi abbondante siccolo d’aria compressa. Per pulire il pacco pignoni smonto la ruota, spennello con lo stesso liquido di cui ho pulito la catena e vai con straccio e aria compressa. I raggi ed i cerchi li pulisco a mano, con straccio e detergente, uno ad uno. Le piste frenanti con straccio imbevuto ad alcool puro ed i pattini li pulisco con sottile carta abrasiva tipo “00″. Lavo il telaio con spugna imbevuta a sapone di marsiglia ed acqua e l’asciugo con pelle di daino ed aria compressa. MAI buttare acqua come visto nel video. Dopo aver rimontato il tutto metto un buon lubrificante al silicone sulla catena e sugli snodi. Impiego 2 ore, ho tempo a disposizione, ma vi garantisco che poi la bici diventa come nuova e acquisti, alle prime uscite, in confort e scorrevolezza. Tutto questo ogni 700-:-800 kilometri o all’occorrenza. Un saluto a tutti.

  35. io la bici la pulisco sempre ad ogni uscita,in pocchi minuti,con uno straccio imbevuto d’acqua e sgrassatore di marsiglia.Dopo l’asciugatura uso cera spry per auto e panno morbido.La cera oltre a dare un bell’aspetto brillante,evita l’incrostazione di moscerini spiaccicati e deiezioni animali che scivolano via senza dover rischiare di graffiare il telaio e senza il bisogno di solventi aggressivi.Le parti meccaniche le pulisco inizialmente con pennello e poi straccio e sgrassatore.In tutti gli snodi metto una goccia di olio leggero.La catena ogni 600 Km circa la lubrifico con una piccola quantità di schiuma per catene.Ad ultimo pulisco i cerchi con un panno inumidito di sola acqua e lavo allo stesso modo anche i copertoncini per rimuovere piccole graniglie che potrebbero intaccarli. ciao e buona pulizia a tutti!

  36. MAURIZIO PELLEGRINO April 5, 2011 at 10:05 Reply

    complimenti!!!!! bravo e veloce bisogna esere cosi per la propria bici!!!… Davide sei un grande!!!!!!!!!!!!!!!

  37. e’ molto efficace la pulizia con spazzola con spray sgrassante ciao

  38. insomma abbiamo capito come si pulisce la nostra bici, visto che ognuno di noi ha un proprio metodo per tenerla al massimo della forma.
    Personalmente anch’io cerco di evitare quanto possibile il getto diretto di una pompa d’acqua dato che il liquido può arrivare in punti particolari senza avere l’opportunità di asciugarla per bene.
    Aggiungo solamente questa ulteriore operazione con l’aiuto del mio amico proprietario di negozio di bici: prima del periodo invernale mi faccio svitare completamente il pignone e lavo accuratamente tutti gli ingranaggi, uno per uno, con gasolio misto a del normale shampoo, asciugo con un panno e mi aiuto con compressore ad aria. Stessa operazione per le corone centrali.
    risultato ACCELLENTE

  39. io uso un lavacatena,basta poco sgrassante da cucina ,senza spendere capitali in prodotti specifici.

  40. io preferisco lasciarla sporca…

  41. secondo me e leggendo i commenti è gratificante tenere la nostra bici pulita, troppo bello mentre pedali vedere catena e pacco pignoni puliti, non senti rumori ti sembra di pedalare in mezzo a una nuvola. Anni fa usavo pure io benzina o petrolio ma ora mi trovo benissimo con uno sgrassatore comune, sciampo per auto normale spazzole getto d’acqua leggero senza insistere sul movimento centrale, serie sterzo e mozzi, aria compresssa per catena pacco pignoni e viteria varia, spruzzo un pò d’olio su tre giri di catena ogni tre o quattro lavaggi uso pronto per i mobili e ho sempre una bici perfetta, così facendo metto a nuovo due bici in meno di un ora, discorso a parte per la catena, prima che si allunghi e meglio cambiarla si evita di dover cambiare anche corone e pacco pignoni con troppa frequenza e con costi decisamente superiori. Ciao e bici pulita a tutti

  42. bo,io uso sempre il chanteclaire e viene pulita quasi senza spazzolarla,ma ho un po paura che si rovini magari nel movimento centrale ecc.. poi compressore,straccio e un velo di finish line al teflon su catena e cambio. tutto questo una volta alla settimana

  43. Io uttilizzo per la catena uno sgrassatore chiamato fulcro e con una spazzola apposta faccio girare la catena diverse volte in modo da togliere tutto lo sporco e come risciaquo usa l’idropulitrice tenuta distante chiaro.asciugo con il compressore e lubbrifico con il WD40 e diventa brillante

  44. Per pulire bene il motore della mia auto ci spruzzo gasolio mischiato con un circa un 10 % per cento di acquaragia lascio agire qualche minuto e risciacquo il motore con un po’ di acqua infine sgrasso il motore con normale detersivo per piatti e acqua do una bella risciacquata e ci soffio aria compressa a volontà !
    Il motore è pulitissimo e sembra nuovo di zecca e non necessità di lubrificazioni poiché già il gasolio avrà lasciato un piccolo velo di olio qua è la !
    Qualche volta sul motore del” auto dopo averlo lavato ( lo lavo 2\3 volte al” anno )
    ci spruzzo il CRC 6-66 MARINER è un” ottimo olio !
    Anche sulla mia bici che usavo come per andare in mezzo alla barena o qualche volta in spiaggia al mare usavo farci lo stesso trattamento che faccio al motore della mia auto .
    Anche sulla bici usavo il gasolio (senza acquaragia) però mischiato con un 10 % cento di olio motore per pulirla e poi ci davo una bella insaponata con detersivo per piatti e una bella risciacquata e una soffiata di aria compressa .
    Sulla bici dopo averla lavata è asciugata ci dovete mettere sempre un po’ di olio qualsiasi oppure un po’ di spray CRC 6-66 sulla catena !

  45. El Pirata in bici January 14, 2014 at 13:08 Reply

    Per pulire bene la mia bici e farla lucida uso ci spruzzo olio idraulico per freni ovunque e lascio agire qualche minuto.
    Con stracci puliti poi tolgo sia l” olio sia la sporcizia !
    Ci metto un po’ di olio motore esausto sulla catena è vai !
    Dopo aver pulito è lubrificato la mia bici sono pronto a fare il pirata stradale ciclistico sulle strade italiane !
    Nessuno mi può multare perché sono un ciclista e perché sono senza una targa di riconoscimento !
    Perciò con la mia bella bici lucida fiammante posso fare impunito il pirata stradale !

  46. Elpirataciclistico January 14, 2014 at 13:09 Reply

    Per pulire bene la mia bici e farla lucida uso ci spruzzo olio idraulico per freni ovunque e lascio agire qualche minuto.
    Con stracci puliti poi tolgo sia l” olio sia la sporcizia !
    Ci metto un po’ di olio motore esausto sulla catena è vai !
    Dopo aver pulito è lubrificato la mia bici sono pronto a fare il pirata stradale ciclistico sulle strade italiane !
    Nessuno mi può multare perché sono un ciclista e perché sono senza una targa di riconoscimento !
    Perciò con la mia bella bici lucida fiammante posso fare impunito il pirata stradale !

  47. mai più pulizia con i lgetto d’acqua. L’ultima volta che l’ho fatto ha iniziato a scricchiolare ad ogni giro di pedale. Risultato è stato il dover smontare il movimento centrare. pulire e ingrassare il tutto.
    Da lì in avanti solo pulizia con puliscicatena, stracci e wd40 per poi lubrificare. tempo necessario 20 minuti

  48. L’unica gamma in grado di soddisfare in pieno tutti i bisogni di un ciclista e della propria bicicletta è la nuovissima e italianissima linea wallbike http://www.nowalchimica.it/wallbike/ trovate tutte le info al link indicato altrimenti cercate nowal chimica su facebook.
    Una gamma di prodotti multiuso per la tua bicicletta!! Provateli rimarrete soddisfatti!!!

  49. Ho la bici da corsa da un anno e l’ho lavata la prima volta qualche giorno fa, purtroppo usando il getto diretto dell’acqua. Spero di non avere danni. Questo articolo è utilissimo!

  50. Il mio è un mix tra vecchio e nuovo essendomi dovuto adattare ad appartamento pertanto senza più cortile con canna acqua.
    Autolavaggio, bici su cavalletto, gasolio auto, passato con pennello su catena, corona pignoni, è il sistema migliore, meglio di chanteclair e di qualunque solvente o sciogligrasso, bando a benzina e petrolio bianco. Il gasolio scioglie all’istante morchia vecchio olio e patina su catena corona e pignoni. Puzza tanto però.
    Bagnata la bici con getto (non indirizzarlo su movimento centrale o mozzi o pedali direttamente) a distanza per smorzare la pressione, shampo auto (il detersivo piatti a lungo andare toglie il lucido) e risciacquo.
    Passare getto d’aria con compressore.
    Leggero film d’olio su catena e superfluo passato con straccio facendo girare la catena stessa. Spray silicone, poco su cuscinetti pedali, su snodi deragliatore e su snodi cambio oltre che sulle rotelle cambio.
    Tempo mezzora all’autolavaggio, 15 minuti a asciugare e lubrificare.
    Mai cambiati ruotismi o movimento centrale causa acqua.
    Saluti a tutti
    Oscar

  51. Ciao Davide un ottimo argomento e sempre qualcosa da imparare.:
    Se avessi il cavalletto farei lo stesso del video mi sembra la cosa perfetta ma con le mie abitudine riesco quasi ad ottenere le stesse cose, per quanto riguarda la lubrificazione uso lubrificante shimano e mi trovo bene .
    Ciao Davide Francesco

  52. va tutto bene nei modi e nei tempi descritti tranne che per l’olio idraulico che usa elpirataciclistico, quel prodotto è estremamente corrosivo soprattutto per le vernici, e l’olio di motore esausto è appunto esusto…

  53. caro davide sfido tutti a pulire la bici meglio di me ok smonto le ruote e lavo il telaio a parte e nelle uscite d inverno faccio la doccia insieme con lei e tutti gli altri ciclisti mi dicono ma fai a lavare cosi bene la tua bicicletta da corsa ?

  54. ottimo video…veloce e azzeccato….bisogna minursi però di un cavalletto apposito.

  55. Diomio non ho mai visto tanti post in seguito ad un argomento apparentemente cosi’ futile!!!! e questo e’ bellissimo perche’ ripaga tantissimo i nostri amici che di prodigano in questa attivita’ davvero fantastica!
    die a loro e a tutti grazie?

    poco ma con il cuore!

    ciao Amici!

  56. Ottimo video ,io non uscirei mai con la bici sporca ,quando esco mi ci devo sentire bene .Quindi la lavo spesso ,il mio modo di pulizia inizia con sgrassare bene la catena pacco pignoni guarnitura con petrolio bianco poi con sciampo per auto lavo con spugna telaio ruote poi con altra spugna apposita passo lo sciampo anche sulla catena pacco pignoni e guarnitura , poi una bella sistolata con acqua asciugo tutto con panno morbido e lubrifico con sprai le parti in movimento . Saluti a tutti Sante

  57. Ciao Davide,….. é da un po’ che non ci sentiamo……poi ti spiegnero’…!!
    Per rivenire al problema di come fare per tenere pulita la nostra “Regina” a due route….devo confessarti che sono un po’ come te…poco maniaco della perfetta pulizia….ma comunque, cerco di fare del mio meglio….! Io lo faccio mettendo un qualsiasi detersivo in acqua ben tiepida, faccio un po di schiuma, e poi lascio….per occuparmi delle parti piu’ delicate e difficili da pulire : con un pezzetto di legno passo entro la corona e anche sul pignone per togliere il piu’ grosso….poi con un pennelino adatto e sgrassatore… e per finire, con un altro pennello et acqua saponata sciacquo….e finisco con una bella passata di spugna insaponata da per tutto….risciacquo con un leggero getto d’ acqua pulita, ed asciugo al meglio con uno straccio oppure con della carta adatta…. !! Aggiungo che qui dove vivo… (Alsazia) ho avuto la gioia di vedere le tre tappe del Tour de France….e con il nostro Nibali che ci fa sperare bene per la vittoria finale in Maglia-Gialla sui Campi Elisi di Parigi ! Ciao a tutti, e buone e approfittate per fare delle belle pedalate…..!! Giovanni Barberi !

  58. Ottimo argomento e ben esplicato come sempre… anche da me (Torino) il meteo fa schifo, se non piove comunque le strade sono sporche e quindi questo tema è di grande attualità!
    Aggiungo un paio di “dettagli” per me fondamentali per una buona riuscita dell’operazione: il locale deve essere ampio abbastanza per poter girare intorno alla bici e soprattutto il supporto!!! con la bici a terra appoggiata al muro è una sfida persa in partenza!!!

  59. Ciao Davide,….. é da un po’ che non ci sentiamo……poi ti spiegnero’…!!
    Per rivenire al problema di come fare per tenere pulita la nostra “Regina” a due route….devo confessarti che sono un po’ come te…poco maniaco della perfetta pulizia….ma comunque, cerco di fare del mio meglio….! Io lo faccio mettendo un qualsiasi detersivo in acqua ben tiepida, faccio un po di schiuma, e poi lascio….per occuparmi delle parti piu’ delicate e difficili da pulire : con un pezzetto di legno passo entro la corona e anche sul pignone per togliere il piu’ grosso….poi con un pennelino adatto e sgrassatore… poi,passo con un altro pennello et acqua saponata, quindi sciacquo….e finisco con una bella passata di spugna insaponata da per tutto….risciacquo ancora con un leggero getto d’ acqua pulita, ed asciugo al meglio con uno straccio oppure con della carta adatta…. !! Aggiungo che qui dove vivo… (Alsazia) ho avuto la gioia di andare a vedere le tre dure tappe del Tour de France che é passato a circa 50km da dove abito….ai pîedi delle montagne dei ” Vosges “dove mi alleno, e dove faccio delle ” Granfondo”….e in piu’ con il nostro Nibali che ci fa sperare bene per la vittoria finale….vederlo arrivare in Maglia-Gialla sui Campi Elisi di Parigi…..che sarebbe bello… in piu’ io sono d’origine Messinese…..quindi, mi capirete ! Ciao a tutti, e approfittate per fare delle belle pedalate…..!! Grazie per i consigli….! Giovanni Barberi !

  60. per il pacco pignone,corone e catena io uso petrolio bianco,si vende anche in lattine da un litro,e molto efficace e non rovina le parti delicate,poi la lavo con sciampo ecc

  61. Ciao a tutti, io personalmente uso prodotti automobilistici professionali. avendo la fortuna di lavorare nel settore, e quindi per catena e corona uso uno sgrassatore specifico per motori, parti meccaniche varie ecc e vi assicuro molto efficace certamente aiutato da una bella spazzolata nel caso di sporco un po’ persistente. Dopodiché passo al telaio con spugna e acqua e detersivo per piatti molto diluito e quindi risciacquo con doccetta molto blanda e asciugatura con pelle di daino o stracci; stessa cosa per le ruote. Fatto questo lubrifico la catena con del grasso al PTFE che è specifico per parti in movimento (si usa anche sulle catene delle moto) poi le parti di movimento del cambio e deragliatore con un altro tipo di grasso idrorepellente ed infine il telaio con un prodotto protettivo che lascia una sottilissima patina che fa sì che lo sporco non si attacchi in maniera resistente. Vi confido che ci ho messo più tempo a scrivere queste quattro righe che non a puulire la mia carissima bici. Buona strada a tutti!!!

  62. Ottimo sistema per pulire la catena è quell’attrezzo della Barbieri, inserendo petrolio bianco come detergente. Passato 2 o 3 volte, si asciuga con straccio e si passano i cotton-fioc nelle maglie. Infine lubrificata finale con WD-40 e nuovo passaggio di straccio per togliere eccesso. Catena praticamente nuova. Ciao buone pedalate a tutti

  63. Per catena e pignoni uso lo sgrassatore Chanteclair. Per il telaio e ruote solo salviettine umidificate W5 – da anni-anche sul carbonio.
    Ciao a tutti

Trackbacks/Pingbacks

  1. Chi ha esperienza di ruote per ciclismo da strada? - April 15, 2011

    [...] Come lavare la bicicletta | CiclismoPassione.com [...]

Leave a Reply